Esteri

Onu, allarme per scorte acqua e cibo nei bunker di Azot

ROMA, 15 GIU – Sono migliaia i civili rimasti intrappolati in condizioni sempre più drammatiche a Severodonetsk sotto assedio russo, tra cui anziani, donne e bambini, e la situazione più urgente è quella delle centinaia di persone bloccate nei bunker della fabbrica chimica Azot. Lo ha detto alla Bbc il portavoce dell’ufficio dell’Onu per gli Affari umanitari, lanciando l’allarme sulla carenza di scorte d’acqua e cibo, servizi igienici ed elettricità. Le Nazioni Unite, ha aggiunto, non sono al momento in grado di fornire gli aiuti necessari a causa dei continui bombardamenti sulla città. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati