Esteri

Omicidio Moise, politici e imprenditori convocati in Procura

PORT AU PRINCE, 10 LUG – Dopo avere annunciato il prossimo interrogatorio dei vertici dei servizi di sicurezza della presidenza, considerati latitanti al momento dell’attacco che ha comportato la morte del presidente Jovenel Moise, la Procura haitiana ha reso noto di voler ascoltare lunedì le testimonianze di alcuni leader politici ed imprenditori potenzialmente implicati, in diversa misura, nella vicenda. Il procuratore capo di Port au Prince, Me Bed-Ford Claude, scrive oggi il quotidiano Le Nouvelliste, ha invitato a testimoniare l’imprenditore e leader politico Reginald Boulos, l’ex senatore Steven Benoît, l’ex leader del partito di destra Haiti en Action (AAA), Youri Latortue, nonche gli imprenditori Dimitri Vorbe (che si trova negli Usa) e Jean Marie Vorbe. Raggiunto telefonicamente dal quotidiano, il procuratore Bed-Ford Claude ha spiegato che queste personalità sono chiamate a testimoniare nell’ambito delle indagini per l’assassinio del presidente della Repubblica Moïse, perché alcuni “hanno reso dichiarazioni pubbliche”, mentre per altri “esistono indizi che inducono a convocarli”. Nel complesso sono nove le persone chiamate a testimoniare, fra cui quattro alti ufficiali della sicurezza presidenziale. L’inchiesta avviata subito dopo l’uccisione del capo dello Stato, ha portato rapidamente alla localizzazione della manovalanza colombiana e americana di origine haitiana (28 persone) considerati gli esecutori materiali dell’omicidio, mentre il mistero è ancora grande per quanto riguarda gli obiettivi reali ed i mandanti dell’attacco. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati