Esteri

Nuova Zelanda, il terrorista rinuncia all’avvocato: vuole difendersi da solo

La sua decisione suscita il timore che Tarrant intenda usare il processo come strumento di propaganda

Brenton Tarrant, il ventottenne cittadino australiano arrestato per le stragi nelle due moschee in Nuova Zelanda, ha licenziato il suo avvocato. Il terrorista intende difendersi da solo davanti ai giudici, riferisce il New Zealand Herald, sottolineando che ciò suscita il timore che Tarrant possa cercare di trasformare il processo in uno strumento per la propaganda suprematista.

Tags

Articoli correlati