EsteriPrimo Piano

Nomine UE, dopo più di 12 ore ancora niente successore di Junker

La scelta potrebbe essere rimandata al 15 Luglio

E’ il momento di delineare chi sarà il successore di Jean-Claude Juncker ma la cosa si sta rivelando più complessa del previsto. Dopo più di 12 ore di trattative non-stop, i leader dei 28 Paesi UE non hanno ancora trovato un accordo sulle nomine UE.

Secondo il premier Giuseppe Conte, Frans Timmermans “non sembra avere un consenso unanime ed è difficile capire se ha la maggioranza qualificata”

Sempre secondo Conte a ritardare la scelta è l’uso del criterio dello Spitzkandidat: “Il criterio dello Spitzkandidat sta incontrando difficoltà. Mi sembra un po’ difficile rimanere legati solo a questo criterio”.
La sessione plenaria del Consiglio Europeo è stata interrotta più volte nella notte per dare spazio a negoziati bilaterali.

Tra le ipotesi, c’è anche quella di rimandare al 15 Luglio la scelta delle posizioni di Alto Rappresentante Ue e di presidente del Consiglio Europeo.

Tags

Articoli correlati