Esteri

Nicaragua, Ortega: la Chiesa cattolica è una dittatura

MANAGUA, 28 SET – Il presidente nicaraguense Daniel Ortega ha definito la Chiesa cattolica “una dittatura perfetta”, due settimane dopo che papa Francesco aveva assicurato che “c’è dialogo” con Managua. “Chi elegge i sacerdoti? Chi elegge i cardinali? Chi elegge il papa? E’ una dittatura perfetta, una tirannia perfetta”, ha esclamato Ortega in un discorso in occasione del 43mo anniversario della fondazione della polizia nicaraguense. Francesco ha insistito il 15 settembre sulla necessità di “non interrompere mai il dialogo” con il Nicaragua, dove sono in crescita le tensioni tra lo Stato e la Chiesa cattolica. “C’è un dialogo. Abbiamo parlato con il governo. C’è un dialogo. Non significa che approviamo tutto ciò che fa il governo. O che disapproviamo tutto”, aveva detto il papa argentino. A marzo il Nicaragua ha espulso l’ambasciatore vaticano. E ad agosto monsignor Rolando Alvarez, critico del regime, è stato arrestato ed è “ai domiciliari”, secondo la polizia che ha citato le attività “destabilizzanti e provocatorie” del vescovo. Ignorando la mano tesa del Papa, il presidente Ortega ha attaccato violentemente la Chiesa cattolica. “Direi a Sua santità il Papa, con grande rispetto, alle autorità cattoliche – io sono cattolico – come cristiano, non mi sento rappresentato”, ha detto, riferendosi alla “storia terribile” della Chiesa, citando l’inquisizione e gli abusi contro i bambini indigeni in Canada. “Li sentiamo parlare di democrazia”, ha ironizzato chiedendo che tutti i chierici – dai sacerdoti ai papi – siano eletti dai fedeli. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati