Esteri

Navalny: Interfax, sospesi uffici non Fondo Anticorruzione

MOSCA, 26 APR – La procura di Mosca ha sospeso le attività degli uffici degli attivisti dell’oppositore russo in carcere Alexiei Navalny e ha chiesto al tribunale di Mosca di introdurre “misure provvisorie sotto forma di divieto di determinate azioni” nei confronti del Fondo Anticorruzione e del Fondo per la Difesa dei diritti dei cittadini, entrambi legati a Navalny, ma la corte non ha ancora esaminato queste ultime richieste: lo riporta l’agenzia Interfax citando l’ufficio stampa del tribunale. Precedentemente, diversi media russi avevano annunciato la sospensione delle attività delle organizzazioni di Navalny, compresi il Fondo Anticorruzione e il suo “successore”, il Fondo per la difesa dei diritti dei cittadini. Secondo il tribunale, “la questione del divieto delle attività delle ong rientra nella competenza del tribunale” mentre “la questione del divieto di determinati atti di un movimento pubblico rientra nella competenza della procura”. “Le attività degli uffici di Navalny e del Fondo Anticorruzione sono stati immediatamente sospesi”, aveva invece scritto su Twitter il direttore del Fondo Anticorruzione Ivan Zhdanov, ripreso dall’Afp. Gli uffici degli attivisti di Navalny, il Fondo Anticorruzione e il Fondo per la difesa dei diritti dei cittadini sono accusati di “estremismo” dalla procura, secondo cui vorrebbero “creare condizioni per la destabilizzazione della situazione sociale e politico-sociale”. Molti osservatori ritengono tali accuse di matrice politica e volte a reprimere il dissenso. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati