Esteri

Moscovici: il nazionalismo è una minaccia

Un'ondata populista potrebbe mettere a rischio anche "la pace nel nostro continente", ha detto Moscovici

In conferenza stampa a Parigi, il commissario europeo agli Affari economici Pierre Moscovici ha parlato dell’immediato futuro dell’Europa in un anno, questo 2019, che “non sarà un anno europeo come gli altri”.
“A Bruxelles, i temi di preoccupazione, l’atmosfera, non sono esattamente gli stessi dello scorso anno. Ognuno affronta questo nuovo anno con una nozione d’urgenza, l’idea che viviamo un momento storico, anche con una certa gravità e inquietudine”, ha detto Moscovici.
Il commissario francese ha quindi disegnato diversi possibili scenari. “Il più minaccioso è quello di una regressione nazionalista. Un’ondata populista a cui non credo, non credo che il sistema elettorale proporzionale possa consentire una tale conclusione che metterebbe a rischio le conquiste più preziose” del processo di integrazione europea, “incluso la più preziosa di tutte, la pace nel nostro continente”. “Come disse Francois Mitterrand: ‘Il nazionalismo porta alla guerra‘”, ha concluso.

Tags

Articoli correlati