EsteriPrimo Piano

Milano non si candida per la sede dell’Ela, l’Agenzia Europea del Lavoro

Scaduti i termini per la presentazione delle domande

Milano non si candida per ospitare la sede dell’Ela, l’Agenzia Europea del Lavoro. Il duro colpo arriva a poco più di 1 anno dall’aver perso per un soffio la sede dell’Ema, l’Agenzia Europea del Farmaco, finita ad Amsterdam.
Il 6 maggio sono infatti scaduti i termini per la presentazione delle domande per la sede dell’Ela. Le candidature arrivate sono 4:  Nicosia (Cipro), Riga (Lettonia), Bratislava (Slovacchia), e infine Sofia (Bulgaria). Quest’ultima sembra essere la città favorita. Le offerte saranno pubblicate il 13 maggio sul sito del Consiglio europeo.

Decisione o dimenticanza? La deputata Lia Quartapelle (Pd) ha commentato la notizia lanciando una provocazione: “Dimenticanza o sgarbo a una città non allineata?”.

https://www.facebook.com/lia.quartapelle/posts/2161447203975913?sfnsw=cl

L’Autorità europea del Lavoro aveva incassato il via libera definitivo dell’Eurocamera a Strasburgo a fine aprile per la nascita dell’Ela che avrà come obiettivo il porre fine allo sfruttamento, contrastare il lavoro nero e assicurare la mobilità dei lavoratori in Europa.

Tags

Articoli correlati