EsteriPrimo Piano

Macron in risposta ai “gilet gialli”: “vi capisco, ma non cedo”

La strategia del governo per la transizione ecologica è stata presentata all'Eliseo

Questa mattina è stato presentato all’Eliseo il programma pluriennale per l’energia (Ppe). Il Presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, ha fissato chiaramente gli obiettivi da perseguire per i prossimi vent’anni e si è dimostrato irremovibile sulla questione ecologica perché “dinanzi ai cambiamenti climatici, abbiamo fatto troppo poco”. Il Presidente ha dichiarato di comprendere la preoccupazione dei manifestanti e ha confermato “una grande concertazione civica sulla transizione economica e sociale” per rispondere nei prossimi tre mesi alla rabbia dei “gilet gialli” con “soluzioni” e “metodi di accompagnamento”, al fine di costruire insieme un nuovo modello economico, sociale e territoriale. Tra le colonne portanti di questa transizione ecologica i francesi troveranno: l’adattamento delle tasse del carburante al prezzo del petrolio, la riduzione dell’energia nucleare del 50% entro il 2035, la chiusura delle centrali a carbone entro il 2022 a favore dell’utilizzo dell’energia geotermica. Macron ha inoltre ufficializzato l’istituzione di un Alto consiglio per il clima che avrà il ruolo di expertise indipendente, tecnica ed economica, che si occuperà di ristabilire i fatti per contrastare le “contro-verità” e mantenere il governo orientato verso questa indispensabile transizione ecologica. Il Presidente francese ha in questo modo dato un forte segnale di cambiamento e di risposta all’allarme ambientale perché “Non si può essere lunedì per l’ambiente e martedì contro l’aumento del carburante”.

Tags

Articoli correlati