Esteri

L’ultimo viaggio della regina,a Edimburgo fra ali di folla

LONDRA, 11 SET – Il feretro di Elisabetta II ha lasciato per sempre la residenza scozzese di Balmoral per raggiungere Edimburgo: capitale della nazione del Regno più indocile, ma forse anche più vicina al suo cuore, dove domani il feretro sarà esposto per la prima volta all’omaggio dei sudditi nella cattedrale di St Giles, dopo un rito alla presenza del suo primogenito e successore, re Carlo III, atteso in città nelle stesse ore. Il lutto per la morte della regina è destinato a proseguire per diversi giorni. Oggi un lento corteo è transitato attraverso città come Aberdeen, Perth, o Dundee, dove la gente si è assiepata a decine di migliaia per assistere al passaggio. Ma anche nel borgo di Ballater, l’abitato più vicino a Balmoral, dove si è radunata un’intera comunità. L’arrivo a Edimburgo si è compiuto con perfetta puntualità verso le 16 locali. Qui la bara è stata portata a spalla da un reparto militare d’onore scozzese in kilt all’interno del palazzo reale di Holyroodhouse, dove sarà vegliata nella notte oltre che da Anna, dai fratelli minori Andrea e Edoardo, unitisi a lei all’ingresso in un clima di profonda commozione. Domani il programma prevede la processione lungo il Royal Mile, con in prima fila anche re Carlo III e la regina consorte Camilla. Martedì pomeriggio il feretro potrà essere quindi traslato in aereo fino a Londra, dove Carlo lo accoglierà a Buckingham Palace. Da mercoledì è quindi prevista l’esposizione al pubblico per 4 giorni a Westminster Hall. E infine il cerchio si chiuderà con i solenni funerali di Stato di lunedì 19 nell’abbazia di Westminster. (ANSA).

(ANSA)

Articoli correlati