Esteri

Libia, si aggrava il bilancio degli scontri. 220 morti e 30.200 sfollati

L'Onu sottolinea come destino preoccupazione i continui e indiscriminati attacchi verso civili e personale medico

Libia – Continua purtroppo a salire il numero delle vittime degli scontri in Libia. L’ultimo bollettino diffuso dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) parla di 220 morti e 1.066 feriti dall’inizio dei combattimenti a Tripoli. L’Oms sottolinea che tra le vittime vi sono operatori sanitari, donne e bambini.

Sale anche il bilancio degli sfollati. Secondo l’ultimo “aggiornamento flash” diffuso dall’Ufficio delle Nazioni Unite per gli Affari umanitari (Ocha), il bilancio parla di 30.200 sfollati dall’inizio degli scontri armati a Tripoli. Nell’aggiornamento si precisa che “destano grave preoccupazione le violazioni del diritto internazionale umanitario quali i continui attacchi indiscriminati contro i civili e le strutture e personale medico”. “Indiscriminata violenza, in particolare con attacchi di razzi e mortai – aggiunge l’organismo Onu – ha interessato Tripoli e dintorni, con sempre più zone residenziali toccate”.

Tags

Articoli correlati