Esteri

Kiev, trattare adesso con Mosca sarebbe una capitolazione

KIEV, 20 NOV – I tentativi dell’Occidente di convincere l’Ucraina a negoziare con Mosca, dopo una serie di importanti vittorie militari di Kiev, sono “bizzarri” e equivalgono a chiedere la sua capitolazione. Lo ha sottolineato Mykhaylo Podolyak, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky precisando che “quando hai l’iniziativa sul campo di battaglia, è un po’ strano ricevere proposte del tipo: ‘non sarai in grado di fare tutto con mezzi militari, comunque devi negoziare'”. Ciò significherebbe che il Paese “che recupera i suoi territori, deve capitolare davanti al Paese che sta perdendo”, ha aggiunto. Secondo Podolyak, Mosca non ha fatto “alcuna proposta diretta” a Kiev per i colloqui di pace, preferendo trasmetterli tramite intermediari e addirittura ipotizzando un cessate il fuoco. Negoziare “non ha senso” e Kiev interpreta questi discorsi come semplici manovre del Cremlino per ottenere un po’ di tregua sul campo e preparare una nuova offensiva: “La Russia non vuole negoziare”, ha ribadito il consigliere del presidente ucraino. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati