EsteriPrimo Piano

Kenya, si stringe il cerchio attorno ai rapitori di Silvia Romano

Arrestati moglie e suocero di uno dei rapitori. Taglia sui rapitori. Polizia keniota: "Silvia è viva"

La polizia keniota ha arrestato moglie e suocero di uno dei tre sospetti rapitori di Silvia Romano. Lo hanno reso noto le autorità locali, come riporta il Daily Nation. Bernard Lemparamarai, coordinatore della regione costiera, ha riferito che la donna, moglie di Said Adan Abdi, è stata fermata nel villaggio di Tarasaa a Garsen, nella contea di Tana River, dopo essere stata intercettata al telefono con il marito: “Interrogheremo i due per ottenere maggiori informazioni sull’ubicazione” della ragazza rapita “e sulle sue condizioni”.

“Silvia Romano è viva. Non abbiamo dubbi”: a dirlo è Noah Mwivanda, comandante regionale della polizia di tutta la regione costiera keniota, all’inviata di Repubblica. La polizia del Kenya ha inoltre identificato tre sospetti per il rapimento di Silvia e ha deciso di offrire una ricompensa di un milione di scellini (circa 9.750 dollari) a chiunque fornirà informazioni che portino al loro arresto. I nomi dei sospetti sono: Ibrahim Adan Omar, Yusuf Kuno Adan e Said Adan Abdi.

Tags

Articoli correlati