Esteri

Kenya, rapita una volontaria italiana: è la milanese Silvia Romano, di 23 anni

Secondo la polizia del Kenya martedì sera un commando di uomini armati avrebbe compiuto un attacco in cui sono rimaste ferite 5 persone, tra cui 3 bambini, ma ci sono dubbi su questa ricostruzione

Una giovane volontaria italiana, Silvia Romano, milanese di 23 anni, è stata rapita nel sud del Kenya da un gruppo di uomini armati. La notizia è stata diffusa dalla polizia del Kenya e il sequestro sarebbe avvenuto nella serata di martedì 20 novembre durante un attacco in cui sono rimaste ferite 5 persone. Il motivo dell’attacco non è ancora chiaro, secondo quanto ha riportato il capo della polizia locale all’Associated Press. Nella zona ci sono stati rapimenti di altri stranieri da parte dei fondamentalisti islamici e secondo il quotidiano online DailyNation potrebbe trattarsi di un attacco ad opera di Al Shabaab, il gruppo di fondamentalisti islamici nato in Somalia una decina di anni fa.

Al momento le informazioni sull’accaduto e sulla situazione non sono del tutto certe, e nelle ultime ore si stanno facendo avanti ipotesi diverse su come siano realmente andate le cose.

In questa pagina troverete gli aggiornamenti.


La zona del Kenya in cui è avvenuto il rapimento di Silvia Romano. 

  • Aggiornamento delle 18:00
    Un testimone avrebbe confermato l’ipotesi secondo cui i rapitori avrebbero raggiunto il villaggio proprio per cercare Silvia Romano

Alcune fonti non accertate riportano la testimonianza di un residente che, se attendibile, confermerebbe l’ipotesi di un rapimento premeditato e a scopo estorsivo. Stando a tale testimonianza sei uomini sarebbero arrivati nel villaggio chiedendo dove vivesse una persona straniera. Avrebbero anche dichiarato di non aver intenzione di fare del male alla ragazza, ma di avere bisogno di soldi.

  • Aggiornamento delle 10:45
    C’è anche una terza versione: il coinvolgimento di una formazione terroristica di matrice islamica  

Il quotidiano locale The Nation parla di 80 uomini che avrebbero attaccato il villaggio dove si trovava Silvia Romano: “armati in modo pesante” avrebbero in aria. Secondo quanto riportato dalla testata locale, il commando apparterrebbe alle milizie di Al-Shabaab, una formazione terroristica della Somalia . Il suo nome significa i giovani in lingua somala e unisce violenti guerriglieri, islamici fanatici, che si oppongono al Governo Federale Transitorio della Somalia e a tutto quello che richiama la cultura occidentale.

  • Aggiornamento delle 10:00
    Ci sono dubbi sull’effettivo attacco al centro commerciale: Silvia Romano potrebbe essere stata rapita nella casa in cui alloggiava

Lilian Sora, presidente della onlus marchigiana Africa Milele per cui lavora Silvia Romano, ha spiegato all’ANSA che in realtà nella zona del Kenya in cui è avvenuto il rapimento della cooperante non ci sono centri commerciali: “al massimo un negozietto dove si vendono fagioli e dove soprattutto non succede mai niente del genere”.

“A quanto ci hanno raccontato le persone che abitano nel villaggio – ha aggiunto – sono arrivati quattro-cinque individui armati che hanno lanciato un petardo, facendo sollevare la sabbia e hanno sparato più volte. Poi sono andati, a colpo sicuro, nella casa dove era la nostra volontaria, probabilmente perché lì sapevano che c’era una italiana, anche se non so spiegarmi il motivo di quello che è successo. In quel momento era da sola, perché altri erano partiti e altri ancora arriveranno nei prossimi giorni”.

La Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine in relazione al rapimento. Nel procedimento, coordinato dal pm Sergio Colaiocco, si ipotizza il reato di sequestro di persona per finalità di terrorismo. In base a quanto si apprende i carabinieri del Ros sono già in contatto con le autorità keniote. A piazzale Clodio, fa sapere ANSA, si attende una prima informativa sulla vicenda.

  • Aggiornamento delle 9:20
    La versione della Polizia del Kenya: l’attacco di un gruppo armato in un centro commerciale

L’identità della volontaria rapita è stata confermata stamattina: il suo nome è Silvia Romano ed è una 23enne di Milano. Secondo quanto riporta il servizio di polizia del Kenya, intorno alle 20.00 ora locale, un gruppo avrebbe attaccato un centro commerciale di Chakama, nella contea di Kilifi, armato di fucili AK 47.  Cinque persone sono rimaste ferite nell’attacco, tra loro 5 bambini. Silvia Romano sarebbe stata rapita dalla banda di uomini armati responsabile dell’attacco.

La giovane milanese si trovava in Kenya come volontaria: lavorava per la Africa Milele Onlus, un’organizzazione con sede a Fano, nelle Marche.

Come posso io non celebrarti vita, oh vita!☀️

Pubblicato da Silvia Romano su Venerdì 21 settembre 2018

 

Redatto da Valeria Capettini

Tags

Articoli correlati