Esteri

Iran respinge le accuse del G7 sull’attacco alla petroliera

TEHERAN, 07 AGO – L’Iran ha respinto, definendole “infondate”, le accuse del G7, che considera Teheran responsabile dell’attacco con un drone alla petroliera Mercer Street al largo delle coste dell’Oman, il 29 luglio, attacco nel quale sono morte due persone. Ieri i ministri degli Esteri del G7, (Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti) e l’Alto rappresentante dell’Ue, Josep Borrell, avevano condannato in un comunicato “l’attacco alla petroliera Mercer Street al largo della costa dell’Oman del 29 luglio”. “E’ stato un attacco deliberato e mirato, e una chiara violazione del diritto internazionale. Tutte le prove disponibili indicano chiaramente l’Iran. Non c’è alcuna giustificazione per questo attacco”. “Condanniamo con forza l’affermazione infondata dei ministri degli Esteri del G7, nella quale hanno diretto accuse infondate contro la Repubblica islamica del’Iran”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri di Teheran Saeed Khatibzadeh in una nota. (ANSA).

(ANSA)

Articoli correlati