Esteri

India: Delhi non respira,il novembre più inquinato da 7 anni

NEW DELHI, 01 DIC – La qualità dell’aria a New Delhi nel novembre 2021 è stata la peggiore da 7 anni: lo dicono i dati dell’India’s Central Pollution Control Board (CPCB), l’Istituto centrale di controllo dell’inquinamento, che sottolinea che nel mese appena concluso la capitale indiana ha vissuto almeno 11 giorni di grave inquinamento e nessun giorno con qualità dell’aria “buona”. L’indice AQI mensile è stato fermo, in media, sul valore di 376: il livello da 300 in su è ritenuto pericoloso per la salute e può causare difficoltà anche a persone normalmente sane. Mentre gli esperti e i sanitari parlano di emergenza sanitaria, molti grandi ospedali della città e delle aree circonstanti rilevano un notevole aumento del numero di pazienti affetti da seri problemi respiratori non legati al Covid-19. La concentrazione di particelle PM2.5, (quelle inferiori a 2.5 micrometri di diametro), è 34 volte più alta del livello considerato accettabile dall’Oms. In uno studio reso noto a settembre, Greepeace ha sostenuto che 57.000 delle morti premature a New Delhi nel 2020 potrebbero essere attribuite all’inquinamento atmosferico. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati