Esteri

India, caos a New Delhi per lo sciopero dei trasporti

Pendolari bloccati e scuole chiuse per l'indisponibilità degli scuolabus

In India uno sciopero dei trasporti pubblici, dei tassisti, dei risciò, e di alcune delle piattaforme di trasporto privato, come Ola e Uber, ha creato il caos. A New Delhi moltissimi pendolari non sono riusciti a raggiungere il posto di lavoro. Molte scuole private sono rimaste chiuse per l’indisponibilità degli scuolabus; il traffico sulle tangenziali da e verso l’aeroporto si è fatto più congestionato del solito, con le compagnie aeree che continuano a martellare i passeggeri con messaggi invitandoli a muoversi con ampio anticipo. Lo sciopero è stato indetto per protesta contro la severità del nuovo Motor Vehicle Act, il regolamento entrato in vigore dal primo settembre, che ha inasprito le regole del traffico, con controlli sulle emissioni, l’obbligo del casco per le due ruote e delle cinture sulle auto private. Le multe sono diventate salatissime: chi va in moto senza casco, ad esempio, viene punito con il pagamento di 1000 rupie,(12 euro e 50) invece delle 100 di prima.

Tags

Articoli correlati