Esteri

Il Cremlino, ‘non puntiamo a un cambio di regime a Kiev’

MOSCA, 21 NOV – Il fine dell’operazione militare russa in Ucraina non è provocare un cambio di regime a Kiev. Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov citato dalle agenzie russe. Peskov ha quindi detto che la Russia “vuole raggiungere i suoi obiettivi, e li raggiungerà”, rispondendo al presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, che ha accusato Mosca di non volere negoziare con Kiev e di essere invece intenzionata a ottenere solo una pausa nelle ostilità. “Senza dubbio, la Russia cercherà coloro che hanno commesso questo crimine, che devono essere trovati e puniti”, ha detto il portavoce del Cremlino in merito alla presunta esecuzione di 10 prigionieri russi con un colpo alla testa denunciata da Mosca. (ANSA).

(ANSA)

Articoli correlati