Esteri

Hong Kong, trovati una pistola e oltre 100 proiettili: le ipotesi della polizia

Probabilmente lo scopo era quello di creare il panico durante la marcia dei manifestanti per la democrazia

La polizia di Hong Kong ha trovato questa mattina una pistola semiautomatica Glock e 105 proiettili nell’ambito di un’operazione anticrimine in vista del corteo pro-democrazia del pomeriggio, procedendo all’arresto di 11 persone di cui 8 uomini di età tra i 20 e i 63 anni. Il sovrintendente per il crimine organizzato e le triadi, Li Kwai-wah, ha riferito che per la prima volta è stata sequestrata un’arma da fuoco nei sei mesi di proteste, oltre a due giubbotti anti-proiettile, coltelli, spade, manganelli e spray urticanti in diversi locali nel centro della città. L’ipotesi è di un suo uso finalizzato a creare panico durante il corteo di oggi, visto che i proiettili erano stati suddivisi in tre locali diversi lungo il percorso della marcia. Alcuni arrestati, secondo i media locali, sono considerati vicini ai “gruppi radicali” che a ottobre lanciarono le molotov contro la stazione di polizia di Mong Kok. Ieri, invece i vigili del fuoco hanno rinvenuto liquido infiammabile in bottiglie di vetro in centro. (ANSA)

Tags

Articoli correlati