Esteri

Guerra del miele tra Australia e Nuova Zelanda per il manuka

ROMA, 06 OTT – Battaglia legale fra Australia e Nuova Zelanda sull’uso del nome del miele manuka, di cui entrambi i paesi rivendicano l’origine. I produttori australiani di questo prodotto, che vanta tra l’altro proprietà antinfiammatorie, antisettiche e cicatrizzanti, tentano di bloccare la procedura di trademarking avviata dalle controparti neozelandesi delle parole ‘Manuka Honey’. Nell’udienza di tre giorni iniziata oggi davanti a Wellington, l’Australian Manuka Honey Association sostiene che la pianta da cui il miele è tratto, il Leptospermum scoparium, è nativa dei due paesi vicini. E la parola ‘manuka’ è usata in Australia per descrivere la pianta e il miele sin dagli anni 1930. La New Zealand Manuka Honey Appellation Society, che chiede l’esclusività del marchio, sostiene che il suo manuka è nettamente differente dal prodotto australiano e cha la parola ha un importante significato culturale per i maori. Il miele manuka si vende per centinaia di dollari al chilo nei mercati di esportazione e ha una lunga lista di celebrità testimonial delle sue proprietà salutari. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati