Esteri

Evacuato scalo Canberra dopo spari in terminale, un arresto

ROMA, 14 AGO – L’aeroporto di Canberra è stato evacuato oggi a causa di spari nel terminale principale dello scalo che hanno portato all’arresto di una persona. Secondo quanto riporta il Guardian, la polizia ritiene che solo una persona sia responsabile dell’incidente ed ha sottolineato che la situazione è adesso sotto controllo. Non si segnalano vittime o feriti. Secondo testimoni, la persona sospetta “sparava in aria”. Lo scalo della capitale australiana, stano sempre a quanto dichiarato dalla polizia, dovrebbe riaprire in giornata. “Il terminal dell’aeroporto di Canberra è stato evacuato per precauzione e la situazione all’aeroporto è sotto controllo”, ha dichiarato la polizia in un comunicato in cui non si fa riferimento a eventuali vittime o feriti. Le immagini pubblicate sui social media mostrano un agente di polizia che trattiene un uomo a terra all’interno del terminal, mentre suona l’allarme nel principale aeroporto della capitale. Secondo le immagini trasmesse dall’emittente pubblica australiana Abc, dall’esterno erano visibili diversi fori di proiettile sulla facciata di vetro dell’aeroporto. “La polizia è stata allertata in seguito a segnalazioni di spari nel terminal principale”, hanno dichiarato le forze dell’ordine di Canberra. “Poco dopo, una persona è stata presa in custodia e un’arma da fuoco è stata confiscata”, hanno precisato. Sembra che l’uomo, ha concluso la polizia, abbia agito da solo. (ANSA).

(ANSA)

Articoli correlati