Esteri

Eruzione Canarie: lava in mare, 3.000 chiusi in casa

MADRID, 22 NOV – Le autorità delle Canarie hanno ordinato a parte della popolazione del comune di Tazacorte, sull’isola di La Palma, di rimanere in casa dopo che una colata di lava del vulcano di Cumbre Vieja ha raggiunto il mare. L’ordine è rivolto a circa 3.000 persone, secondo la radio Cadena Ser e il quotidiano El País. Si tratta di una misura adottata a scopo precauzionale per la possibilità che il contatto tra il magma e l’acqua marina provochi “emissioni di gas nocivi per la salute”, hanno spiegato le autorità. Intanto, l’aeroporto di La Palma rimane per il momento “non operativo” a causa dell’accumulo di cenere vulcanica sulle piste. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati