Esteri

Ecuador ancora in stato di emergenza: proteste in atto contro il governo

Il governo respinge la richiesta di revoca del decreto sui carburanti

Continuano in Ecuador, nonostante l’imposizione dello stato di emergenza, le proteste di piazza contro il decreto presidenziale che ha azzerato i sussidi al carburante, mentre i sindacati del settore dei trasporti e le associazioni indigene annunciano uno sciopero generale per i prossimi giorni. Le proteste stanno andando avanti da due giorni consecutivi.

Nella sua pagina online il quotidiano La Hora segnala oggi che in molte città le principali vie di comunicazione sono bloccate da autocarri, autobus e taxi, i cui proprietari rifiutano categoricamente il forte aumento del prezzo di benzina e diesel causato dal decreto, di cui chiedono la revoca. Il governo, che ha in atto un accordo con il Fondo monetario internazionale, si è impegnato prima di presentare le previsioni di bilancio per il 2020, a ridurre fortemente la spesa pubblica con tagli dei sussidi (come quello ai carburanti), una riduzione dei dipendenti governativi ed una flessibilizzazione del mercato del lavoro. (ANSA)

Tags

Articoli correlati