Esteri

Donne contro Oracle: class action per discriminazione salariale

Agli uomini 13 mila dollari l'anno in più. L'azienda è accusata da oltre 4200 dipendenti

E’ in atto una class action contro una delle più grandi società della Silicon Valley, Oracle. L’azienda è accusata da oltre 4200 lavoratrici di discriminare le donne pagandole sistematicamente meno: in media 13 mila dollari all’anno rispetto ai colleghi uomini che svolgono mansioni simili.

Un’analisi delle buste paga ha evidenziato “un livello straordinariamente alto” di differenze, secondo la causa: le donne, a parità di lavoro, hanno in media il 3,8% in meno nello stipendio base, il 13,2% meno in bonus e il 33,1% in azioni. La class action arriva mentre le aziende high tech sono finite sotto la lente di ingrandimento per discriminazioni di genere e di razza, comprese le molestie, l’ineguaglianza salariale e i pregiudizi nei luoghi di lavoro. La vicenda di Oracle rievoca le controversie contro Google, anch’essa finita nel mirino per discriminazioni salariali. (ANSA)

Tags

Articoli correlati