Esteri

Dimissioni comandante Scotland Yard scatenano forti tensioni

LONDRA, 11 FEB – Le dimissioni di Cressida Dick, prima comandante donna nella storia di Scotland Yard, hanno scatenato forti tensioni tra il sindaco di Londra, il laburista Sadiq Khan, e la ministra dell’Interno nel governo Tory, Priti Patel, sulle modalità in cui sono avvenute. L’alta funzionaria, prima persona apertamente omosessuale a occupare quel ruolo di grande rilievo, ha lasciato dopo aver perso la fiducia del primo cittadino nella gestione di un dipartimento di polizia segnato da una serie di scandali, riguardanti denunce di razzismo, sessismo e misogenia, oltre alle condanne di alcuni suoi agenti per alcuni reati, fra cui il caso estremo di un omicidio. E’ emerso dai media britannici che ieri pomeriggio Dick era stata personalmente convocata per un incontro col sindaco al fine di discutere delle riforme necessarie per rilanciare la Met Police dopo che lo stesso Khan giusto mercoledì le aveva rivolto un pesante ultimatum attraverso i media. La comandante al posto di presentarsi ha invece preferito offrire direttamente le sue dimissioni, sentendo ormai compromessa la sua posizione e cogliendo di sorpresa un po’ tutti, inclusa la ministra dell’Interno a cui spetta tra l’altro l’ultima parola nella nomina del ‘commissioner’ di Scotland Yard. Secondo fonti dell’Home Office, Patel avrebbe definito questo comportamento del sindaco, che non l’ha informata dell’incontro programmato con Dick, “maleducato e poco professionale”. Ci sono quindi pessime premesse per la nomina del nuovo capo della polizia di Londra. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati