CronacaVideo

Pasqua di sangue in Sri Lanka, oltre 200 morti

Sono 8 le esplosioni che hanno colpito lo Sri Lanka: è una strage

Tra la capitale Colombo e altre città dello Sri Lanka, nel giorno di Pasqua tre chiese e tre hotel di lusso sono stati colpiti da 6 esplosioni simultanee. In seguito sono state registrate altre due esplosioni nella zona della capitale.

I luoghi colpiti:
Le chiese colpite dalle esplosioni sono il santuario di Sant’Antonio, che si trova nella capitale Colombo, la chiesa di San Sebastiano a Negombo e la chiesa nella città di Batticaloa.
Tutti gli hotel colpiti sono strutture di lusso in cui alloggiano soprattutto turisti stranieri. Si trovano tutti a Colombo e sono  lo Shangri-La Hotel, il Cinnamon Grand hotel e il Kingsbury Hotel. Nella tarda mattinata (ora italiana) si è registrata un’altra esplosione in un hotel a Colombo. Un’altra esplosione, l’ottava, è stata registrata in un sobborgo della capitale, Dematagoda.

  • Aggiornamento delle 15:05 – le esplosioni sono 8
    È stata registrata un’altra esplosione a Dematagoda, un sobborgo della capitale Colombo.
  • Aggiornamento delle 14:20
    Il ministro della Difesa dello Sri Lanka, Ruwan Wijewardene, ha affermato che sette persone sospette sono state arrestate nell’ambito delle indagini sugli attacchi che stamattina hanno colpito il Paese.
  • Aggiornamento delle 14:10 – si aggrava ulteriormente il bilancio delle vittime: sono almeno 207.
    Lo ha reso noto un portavoce della polizia dello Sri Lanka.

  • Aggiornamento delle 12:16 – sale il bilancio delle vittime: sono almeno 185
    Il bilancio degli attentati che hanno scosso oggi lo Sri Lanka è salito a 185 morti: lo riporta il quotidiano cinese China Daily.
    Da parte sua, il ministro della Difesa Ruwan Wijewardene ha detto che tutti i responsabili degli attacchi “sono stati identificati” e verranno arrestati “il prima possibile”.
    Wijewardene ha parlato di atti di “terrorismo” compiuti da estremisti religiosi. Lo riporta il Guardian.
  • Aggiornamento delle 11:58Una nuova esplosione
    C’è stata una nuova esplosione, la settima, in un hotel situato a Colombo. Secondo quanto riferisce un portavoce della polizia sarebbero morte almeno due persone.
Sri Lanka
Foto ANSA
  • Aggiornamento delle 10:30 – sono morte almeno 156 persone. Tra le vittime 35 stranieri.
    È salito ad almeno 156 morti e oltre 500 feriti il bilancio delle esplosioni in Sri Lanka: lo riporta il quotidiano degli Emirati Khaleej Times. Tra le vittime ci sono anche 35 stranieri.
    Il presidente dello Sri Lanka, Maithripala Sirisena, ha invitato la popolazione alla calma e a collaborare con le autorità nelle indagini sugli attentati. Il premier Ranil Wickremesinghe ha convocato un consiglio dei ministri di emergenza ed ha “condannato con forza” gli attacchi, un “tentativo ben coordinato di creare morti, caos e anarchia”, sottolinea il ministro delle Finanze del Paese, Mangala Samaraweera.
  • Aggiornamento delle 10:13
    Tra le vittime delle esplosioni ci sarebbero diversi stranieri, ma non è ancora nota la loro nazionalità. Fonti del ministero degli Esteri confermano che “L’Unità di crisi della Farnesina è al lavoro per effettuare verifiche sugli attacchi in Sri Lanka”. La Farnesina ha inoltre attivato il numero di emergenza per segnalazioni: +39 0636225
  • Aggiornamento delle 09:00 – i morti sarebbero almeno 138
    È salito ad almeno 138 morti e oltre 402 feriti il bilancio delle esplosioni. Lo riporta il quotidiano del Paese, Daily News.

  • Aggiornamento delle 08:50 – si aggrava ancora il bilancio delle vittime
    Il bilancio è, al momento, di oltre 100 morti e 400 feriti. Tra le vittime ci sarebbero anche turisti.

  • Aggiornamento delle 08:40
    Alcuni media locali parlano di oltre 90 morti e almeno 300 feriti.

  • Aggiornamento delle 08:29
    Secondo la polizia le esplosioni sono avvenute in un quartiere a nord della capitale Colombo e nella città di Negombo, alle porte della capitale.

  • Aggiornamento delle 07:58 – Il bilancio attualmente è di almeno 42 morti e 280 feriti
    La polizia ha evacuato diverse chiese, centri commerciali e cancellato vari eventi in programma.

Redatto da Valeria Capettini

Tags

Articoli correlati