CronacaPrimo Piano

Siria, gli Stati Uniti chiariscono: «non è un ritiro, nessuna luce verde da Trump alla Turchia»

L'Onu si prepara al peggio, Ue preoccupata

«Nessun ritiro delle truppe Usa dalla Siria». Lo ha detto un funzionario dell’amministrazione Trump: solo tra 50 e 100 uomini delle forze speciali nel nord della Siria sono interessati dall’ordine del presidente americano, che non vuole metterli in pericolo; saranno dispiegati in altre basi. «Non c’e’ nessuna luce verde nei confronti della Turchia per un massacro dei curdi. Dire questo è da irresponsabili. Le azione decise dal presidente sono solo mirate a proteggere i nostri soldati», ha aggiunto il funzionario Usa. Il Pentagono aveva già annunciato in un comunicato che «gli Stati Uniti non sostengono l’intervento militare della Turchia nel nord della Siria, ammonendo Ankara sulle conseguenze destabilizzanti» di una possibile azione militare nel Paese.

L’Onu si sta «preparando al peggio» nel nord est della Siria. «Non sappiamo cosa succederà. Ma ci prepariamo al peggio», ha dichiarato il coordinatore Onu per le operazioni umanitarie in Siria, Panos Moumtzis sottolineando che le Nazioni Unite sono in contatto «con entrambe le parti sul campo». «La nostra priorità – ha detto -è che qualsiasi eventuale azione della Turchia non abbia conseguenze sul piano umanitario».

L’Ue «ribadisce la sua preoccupazione» e ricorda di avere sempre detto che «ogni soluzione a questo conflitto non può essere militare bensì deve passare attraverso una transizione politica, in conformità alla risoluzione Onu ed il comunicato di Ginevra nel 2014». A dirlo è una portavoce della Commissione europea. «L’Ue ribadisce il sostegno all’unità, la sovranità e l’integrità territoriale della Siria».

Tags

Articoli correlati