Cronaca

Shell a processo per violazione dei diritti umani

Il gigante petrolifero Shell è chiamato a rispondere dell'accusa di violazione dei diritti umani. La testimonianza della moglie di una delle vittime [video]

Shell, il gigante petrolifero olandese, è stato chiamato alla sbarra per il suo operato in Nigeria, deve rispondere all’accusa di violazione dei diritti umani. La Shell è infatti accusata di aver istigato, negli anni Novanta, terribili violazioni dei diritti umani commesse dal governo militare nigeriano contro la popolazione ogoni.

La prima udienza si è tenuta il 12 febbraio presso il tribunale distrettuale dell’Aja, si tratta di un processo storico che fa seguito al richiamo in giudizio del 2017 da parte dell’attivista Kiobel che hanno portato Shell a rispondere del proprio ruolo durante l’arresto illegale, l’imprigionamento e l’impiccagione di alcuni uomini che protestavano contro il devastante inquinamento causato dal Shell nella loro regione. Il caso è diventato noto a livello internazionale come “la vicenda dei nove ogoni”.

Amnesty International ha lanciato una campagna a sostegno della moglie di una delle vittime che affronterà il gigante petrolifero in tribunale.

 

 

Tags

Articoli correlati