CronacaPrimo Piano

Londra, arrestato Julian Assange

Il fondatore di WikiLeaks portato via di peso dall'ambasciata. Assange: "Il Regno Unito non ha civiltà". May: "nessuno è al di sopra della legge"

Il fondatore del sito web di Wikileaks, Julian Assange è stato arrestato dalla polizia britannica. L’annuncio arriva poco dopo la decisione della Repubblica dell’Ecuador di ritirare l’asilo politico concesso ad Assange. La polizia britannica ha infatti annunciato di aver arrestato Assange nel centro di Londra, dopo che l’Ecuador gli ha revocato l’asilo e l’ambasciata di Quito a Londra lo ha espulso dall’edificio. Sette agenti lo hanno sollevato e portato via di peso dalla sede diplomatica, dove l’ambasciatore aveva dato loro il permesso di entrare.  Al momento del suo arresto Assange aveva in mano un libro di Gore Vidal.

Il presidente dell’Ecuador Lenin Moreno ha spiegato di aver revocato l’asilo ad Assange per “violazione della convenzione internazionale” e ha assicurato che non sarà estradato in un Paese che applica la pena di morte. Assange si era rifugiato nell’Ambasciata ecuadoriana nel giugno del 2012 acquisendo infine la cittadinanza dell’Ecuador nel 2018. I rapporti tra Assange e il Paese sudamericano, però, si sono raffreddati nel corso degli ultimi anni.

Julian Assange durante l’arresto ha lanciato il suo j’accuse contro il governo di Londra: “Il Regno Unito non ha civiltà” e poi ha fatto un appello ai britannici dicendo “il Regno Unito deve resistere”.

Subito dopo l’operazione, Wikileaks ha accusato il Paese sudamericano di aver “revocato illegalmente l’asilo in violazione del diritto internazionale”. L’organizzazione fondata da Assange afferma che dietro questo arresto ci sono “la Cia” e altri poteri e twitta: “è un figlio, un padre, un fratello. Ha vinto decine di premi di giornalismo ed è stato nominato per il Nobel per la pace dal 2010. Ma attori potenti, inclusa la Cia, sono impegnati in uno sforzo sofisticato per disumanizzarlo, delegittimarlo e imprigionarlo”.

Mosca ha commentato l’arresto auspicando “che i suoi diritti vengano rispettati”. Lo ha riferito il portavoce del presidente russo Dmitry Pescov.

Il sottosegretario italiano agli Esteri, Manlio Di Stefano ha commentato: “L’arresto di Assange, dopo 7 anni di ingiusta privazione di libertà e una inquietante manifestazione di insofferenza verso chi promuove trasparenza e libertà come Wikileaks. Amici britannici, il mondo vi guarda, l’Italia vi guarda. Libertà per Assange”.

Theresa May, parlando alla Camera dei comuni, ha accolto positivamente la notizia e ringraziato le forze di polizia. “Nessuno nel Regno Unito è al di sopra della legge”, ha commentato.

  • Aggiornamento delle 17:10 – Assange è accusato di pirateria informatica

Gli Stati Uniti accusano Assange di cospirazione con Chelsea Manning nel 2010 finalizzata alla pirateria informatica. Lo ha reso noto il dipartimento di giustizia americano.
Se condannato, il fondatore di Wikileaks rischierebbe fino a 5 anni.

Tags

Articoli correlati