Cronaca

Isis, il leader Al Baghdadi è morto? Cosa sappiamo finora

Analisi biometriche confermerebbero l'identità della vittima: è la guida dell'Isis

Gli Stati Uniti hanno lanciato un rad nel nord della Siria contro il leader dell’Isis, Abu Bakr al-Baghdadi, che sarebbe morto. La notizia è trapelata inizialmente da Fox News, che citava fonti militari Usa.

L’operazione contro la guida dell’Isis, top secret, era stata approvata da Donald Trump una settimana fa e sarebbe scattata ieri. Il ministero della Difesa turco ha specificato che la Turchia ha collaborato con gli Usa, coordinandosi con gli Stati Uniti prima dell’operazione. Secondo quanto riportato da Sky News, un funzionario turco ha detto che il terrorista era arrivato nel luogo in cui è avvenuto il raid solo 48 ore prima dell’operazione.

Anche le forze curdo-siriane plaudono al raid e i seguaci di Al-Qaida stanno festeggiando online la notizia della morte di Al Baghdadi.
Ma la sua morte, in realtà, non è stata confermata in modo ufficiale. Dal Pentagono hanno fatto sapere che il leader dell’Isis è stato sorpreso all’interno di un compound mentre era in compagnia di alcuni familiari: dopo essere stato trovato avrebbe deciso di suicidarsi e si sarebbe fatto saltare in aria azionando un giubbotto esplosivo che indossava. Nell’esplosione sarebbero morte anche due delle sue mogli, che si trovavano accanto a lui.

Secondo quanto ha riferito poco fa Fox News, che cita fonti militari, sarebbero già state condotte «analisi biometriche» che avrebbero confermato che la vittima del raid sarebbe proprio il leader dell’Isis.

Trump, intanto, ha annunciato che alle 15 (ore italiane) rilascerà una dichiarazione: «È successo qualcosa di molto grande», ha scritto su Twitter.

Tags

Articoli correlati