CronacaPrimo Piano

Catalogna, ancora scontri, Barcellona sotto assedio: la denuncia del governo

Continuano le proteste dei cittadini dopo le condanne a 12 leader indipendentisti

Ancora una notte di disordini e proteste in Catalogna, dove dopo le condanne a dodici leader indipendentisti si è scatenata la furia dei cittadini. Nella notte si sono verificati nuovi scontri tra polizia e manifestanti, con barricate e falò anche in punti nevralgici di Barcellona come i Jardinets de Gracia e il quartiere Eixample. Una carica della polizia è stata lanciata contro i manifestanti che si erano rifugiati negli accessi dell’ospedale Parc Taulí, nella città di Sabadell.

Il governo spagnolo denuncia con un comunicato che “non è un movimento pacifico di cittadini, ma coordinato da gruppi che con la violenza di strada mirano a spezzare la convivenza in Catalogna“. Gli scontri più accesi si sono verificati a Barcellona e Gironda, dove la polizia ha caricato i dimostranti dopo che hanno tentato di entrare nelle locali rappresentanze del governo di Madrid. A Barcellona, secondo fonti della polizia, si sono riunite in serata circa 40 mila persone.

Tags

Articoli correlati