Cronaca

Balene e orche nel “lager” russo, il proprietario rifiuta di liberarle

Il Cremlino si dice "sorpreso" dal rifiuto

Le balene beluga e le orche tenute prigioniere nel cosiddetto “lager” del centro marino della baia di Srednyaya, in Russia, non saranno liberate. Lo afferma il loro proprietario, che dice di non aver alcuna intenzione di rilasciarle, al contrario di quanto dichiarato dalle autorità locali.
Da parte sua, il Cremlino si dice «sorpreso» dal suo rifiuto: «siamo rimasti rimasti sorpresi nel sentire oggi le dichiarazioni rese dal rappresentante o dal proprietario della compagnia che ha effettuato la cattura», ha detto il portavoce Dmitri Peskov. «Intendiamo rinfrescare la memoria sulla lista di ordini impartita dal presidente: non c’è bisogno di dare altri ordini, dato che tutto è stato chiaramente formulato, e possiamo affermare ora che questi ordini non vengono eseguiti, almeno parzialmente, e quindi ora studieremo in quale parte questi ordini non vengono attuati», ha poi sottolineato il portavoce del Cremlino.

Tags

Articoli correlati