CronacaPrimo Piano

Aeroporto di Hong Kong occupato dai manifestanti – VIDEO e FOTO

La città si prepara ad un nuovo weekend di protesta

Centinaia di manifestanti stanno occupando l’aeroporto di Hong Kong: l’occupazione dovrebbe durare tre giorni e apre il decimo weekend di protesta. La mossa dei manifestanti arriva a meno di una settimana dallo sciopero che ha paralizzato la città. I manifestanti stanno consegnando ai viaggiatori biglietti d’aereo per promuovere la protesta: sul biglietto, con partenza da Hong Kong, viene segnata come destinazione «la Libertà».

L’aeroporto di Hong Kong è uno dei più affollati del mondo: ogni giorno transitano 1100 persone da questo scalo che collega circa 200 destinazioni internazionali. I governi di Stati Uniti, Australia, Regno Unito, Irlanda, Giappone e Singapore hanno diramato un avviso ai viaggiatori verso Hong Kong, invitando loro a prestare attenzione alle proteste.

«Hong Kong continua ad accogliere turisti e viaggiatori da tutto il mondo», rassicura un portavoce del governo della città. Le proteste che proseguono ormai da nove settimane a Hong Kong, però, stanno mettendo a dura prova il settore del turismo della metropoli.

Secondo fonti ufficiali il turismo ha segnato un netto declino nelle ultime settimane: l’Ente del Turismo locale ha reso noto che nella seconda metà di luglio il numero degli arrivi ha registrato un “calo a due cifre” rispetto allo stesso periodo del mese precedente.

E come se non bastasse, scrive la Bbc online, gli operatori del settore «riportano che il numero delle prenotazioni (alberghiere, ndr) per i mesi di agosto e settembre è sceso notevolmente». Stessa cosa dicasi per gli acquisti dei biglietti aerei, come ha commentato la compagnia di bandiera di Hong Kong – la Cathay Pacific – senza fornire dati ma sottolineando che l’attività «risente dell’impatto dei disordini locali di natura politica». Questo, ha detto il presidente del Cathay Pacific Group, John Slosar, «ha portato ad un notevole calo delle prenotazioni dei prossimi mesi, in particolare per i voli in arrivo».

Tags

Articoli correlati