Esteri

Covid: 31 arresti a corteo Lipsia, governo condanna violenza

(ANSA-AFP) – BERLINO, 08 NOV – Il governo tedesco ha denunciato le violenze che si sono verificate ieri a Lipsia durante una protesta contro le restrizioni per la pandemia, a cui avrebbero partecipato anche militanti di estrema destra, che ha portato a 31 arresti. “Niente può giustificare quello che abbiamo visto a Lipsia”, ha detto il ministro della Giustizia Christine Lambrecht. “L’affronto alla scienza, l’incitamento all’odio dell’estrema destra che abbiamo visto è spaventoso”, ha aggiunto, “condannando fermamente gli attacchi alla polizia e alla stampa”. Più di 20.000 persone, la maggior parte delle quali senza mascherina, si sono radunate ieri nel centro di Lipsia per mostrare la loro rabbia per le restrizioni legate all’epidemia di Covid-19. Dopo aver ripetutamente ordinato loro di indossare la mascherina e di rispettare una distanza di un metro e mezzo tra le persone, la polizia ha finito per ordinare lo scioglimento del raduno. Ma in un’atmosfera tesa, molti si sono rifiutati di rispettare l’ingiunzione e hanno iniziato una parata su uno dei viali principali di Lipsia. Secondo la polizia locale, le forze dell’ordine e i giornalisti sono stati attaccati con lanci di oggetti. La violenza è continuata per tutta la serata. La polizia della Sassonia, che aveva ricevuto rinforzi da diverse altre regioni, ha effettuato 31 arresti. Secondo i media locali, simpatizzanti neonazisti erano tra i manifestanti, insieme ad altre figure locali di estrema destra, mentre la folla urlava “La Merkel deve andarsene!” e “pace, libertà, nessuna dittatura”. (ANSA-AFP).

(ANSA)

Articoli correlati