Esteri

Costa d’Avorio: graziato Laurent Gbagbo, segno pacificazione

ABIDJAN, 07 AGO – Nuovo segno di pacificazione in Costa d’Avorio, Paese che sta uscendo da un periodo di duri conflitti interni e violenze: il presidente Alassane Ouattara ha concesso la grazia al suo predecessore ed ex rivale Laurent Gbagbo, che sta scontando una condanna a 20 anni in carcere nel suo Paese. “Per rafforzare la coesione sociale, ho firmato un decreto che concede la grazia presidenziale al signor Laurent Gbagbo”, ha affermato Ouattara in un discorso in occasione del 62/o anniversario dell’indipendenza della Costa d’Avorio. Il Capo dello Stato ha anche annunciato di aver chiesto “lo sblocco dei suoi conti e il pagamento degli arretrati delle rendite vitalizie”. Ha anche indicato di aver firmato un decreto che concede il “rilascio condizionale” a due ex figure dell’apparato militare e di sicurezza del regime di Laurent Gbagbo, condannati per il loro ruolo nella crisi del 2010-2011. Si tratta del vice ammiraglio Vagba Faussignaux, ex capo della Marina, e del comandante Jean-Noël Abéhi, ex capo dello squadrone corazzato della gendarmeria al campo di Agban ad Abidjan. Laurent Gbagbo, 77 anni, assolto definitivamente nel marzo 2021 da crimini contro l’umanità dalla Corte penale internazionale (CPI) dell’Aia dove era stato trasferito alla fine del 2011, è rientrato nel suo Paese il 17 giugno 2021 con il via libera di Ouattara, nonostante un a condanna a 20 anni di prigione per “rapina” alla Banca centrale degli Stati dell’Africa occidentale (BCEAO) durante la crisi del 2010-2011. La crisi era nata dal rifiuto di Gbagbo di riconoscere la vittoria di Alassane Ouattara alle elezioni presidenziali alla fine del 2010, che aveva portato a violenze che hanno causato circa 3.000 morti, fino all’arresto di Laurent Gbagbo ad Abidjan nell’aprile 2011. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati