Esteri

Contro Mike Tyson una nuova accusa di stupro

NEW YORK, 24 GEN – Una donna nello Stato di New York ha intentato una causa civile contro Mike Tyson, accusando l’ex campione di boxe di averla violentata in una limousine all’inizio degli anni ’90, come attestano documenti del tribunale. La donna, che ha chiesto al tribunale di rimanere anonima, ha presentato la sua denuncia all’inizio di gennaio ai sensi di una legge temporanea dello Stato di New York che consente alle vittime di violenza sessuale di chiedere il risarcimento dei danni civili indipendentemente dai termini di prescrizione. Tyson ha trascorso tre anni in prigione a partire dal 1992 dopo essere stato dichiarato colpevole di aver stuprato la modella Desiree Washington, che all’epoca aveva 18 anni. In una breve dichiarazione giurata datata 23 dicembre 2022, la querelante afferma di aver incontrato il pugile in una discoteca “nei primi anni ’90”, quindi di averlo seguito nella sua limousine, dove presumibilmente l’ha aggredita prima di violentarla. “Come risultato dello stupro di Tyson, ho sofferto e continuo a soffrire di lesioni fisiche, psicologiche ed emotive”, ha detto. Chiede 5 milioni di dollari di risarcimento danni. Nato a Brooklyn nel 1966, Tyson ha avuto un’infanzia turbolenta prima di diventare il campione indiscusso dei pesi massimi negli anni ’80, terrorizzando i suoi avversari con la sua furia sul ring e una fenomenale potenza di pugni. Ma dopo la sua pena detentiva, non ha potuto mantenere i suoi titoli. In un famigerato incontro del 1996, Tyson ha morso un pezzo dell’orecchio del suo avversario Evander Holyfield. Preso dalla depressione e dalla dipendenza, ha continuato a fare notizia, in particolare per uno spettacolo personale in cui ha descritto i molti alti e bassi della sua vita. Di recente si è lanciato nell’industria della cannabis con un suo marchio di prodotti a base di marijuana. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati