Esteri

Cina vieta l’export di magliette nere verso Hong Kong: ecco perché

La decisione della Cina contro l'uniforme dei pro-democrazia

La Cina ha deciso di vietare l’export verso Hong Kong di magliette nere: il motivo è chiaro. Le t-shirt nere sono l’uniforme dei manifestanti anti-governativi e pro-democrazia che da oltre 4 mesi stanno scuotendo l’ex colonia britannica.

Il South China Morning Post ha riportato che le consegne dal vicino Guangdong alla città sono sottoposte «a rigide indagini». Le compagnie di spedizione hanno avvisato la clientela che i funzionari cinesi delle dogane hanno disposizioni per fermare il transito di tessuti neri e di altri oggetti: i dimostranti hanno scelto come uniforme maglietta nera, jeans, scarpe da ginnastica e spesso maschera nera.

Secondo una comunicazione di PHXBUY, spedizioniere del Guangdong, le dogane cinese hanno disposto lo stop al transito di: «elmetti gialli da cantiere, ombrelli gialli, bandiere, aste portabandiera, striscioni, guanti, maschere, T-shirt nere, barre di metallo, tubi fluorescenti e mazze ferrate. Non possiamo prendere consegne dei tali prodotti. Grazie per il sostegno».

Tags

Articoli correlati