Esteri

Capa risorse umane di Charlie Hebdo minacciata, cambia casa

ROMA, 22 SET – La responsabile delle risorse umane della rivista satirica Charlie Hebdo è stata costretta a lasciare la sua casa dopo “minacce precise e dettagliate alla sua scorta”. Lo ha raccontato la stessa Marika Bret al magazine Le Point parlando di un “livello di odio irreale attorno a Charlie Hebdo”, obiettivo di un sanguinoso attacco terrorista nel gennaio del 2015. Bret ha raccontato che la scorta, con lei da quasi cinque anni, ha ricevuto le minacce lo scorso 14 settembre. Da quando è cominciato il processo ai 14 fiancheggiatori dei terroristi e la rivista ha ripubblicato le controverse vignette su Maometto che hanno scatenato la furia jihadista, ha aggiunto, “siamo stati travolti da ogni sorta di orrore, comprese minacce da Al Qaida e appelli a finire il lavoro dei terroristi”. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati