EsteriPrimo Piano

Caos in Venezuela, il mondo si divide

Gli Stati Uniti sono pronti a offrire "oltre 20 milioni di dollari in aiuti umanitari"

Dopo l’autoproclamazione a presidente del Venezuela di Juan Guaidò, il panorama internazionale si è spaccato in due. A favore di Guaidò, appoggiando il suo tentativo di avviare un percorso democratico del Venezuela, sono Stati Uniti, Europa e diversi Paesi sudamericani. Cina, Russia e Turchia, invece, si schierano dalla parte di Maduro e condannano le “ingerenze esterne”.

Gli Stati Uniti sono pronti a offrire “oltre 20 milioni di dollari in aiuti umanitari per il popolo del Venezuela”. Lo ha annunciato il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, intervenendo alla riunione straordinaria del Consiglio permanente dell’Organizzazione degli Stati americani in corso a Washington. Pompeo ha inoltre chiesto a tutti i Paesi dell’istituzione di riconoscere Juan Guaidò come presidente ad interim del Venezuela.

 

 

Tags

Articoli correlati