Esteri

Bufera su Elon Musk per showroom Tesla nello Xinjiang

NEW YORK, 04 GEN – E’ bufera su Elon Musk e Tesla per l’apertura di uno showroom in Cina nello Xinjiang, l’area in cui Pechino è accusata di violazioni dei diritti umani degli uiguri. Gli attivisti americani e il Council on American-Islamic Relations chiedono al miliardario-visionario di chiudere lo showroom: non farlo – è la loro tesi – vuol dire “sostenere economicamente il genocidio”. “Nessuna azienda americana dovrebbe fare affari in un’area” dove è in corso una “campagna di genocidio religioso e di una minoranza etnica”, afferma di direttore della comunicazione del Council on American-Islamic Relations, Ibrahim Hooper. Nelle scorse settimane il presidente americano Joe Biden ha firmato un provvedimento bipartisan che vieta l’import di prodotti dallo Xinjiang a meno che le aziende non siano in grado di dimostrare che i materiali usati non sono frutto di lavoro forzato. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati