Esteri

Bielorussia, 14 anni a ex candidato Viktor Babariko

MOSCA, 06 LUG – La Corte suprema della Bielorussia ha condannato l’ex capo di Belgazprombank e ex candidato presidenziale Viktor Babariko a 14 anni di prigione. Lo riporta l’emittente Dozhd. Era uno degli avversari di Aleksandr Lukashenko alle elezioni ed è il primo ad essere condannato. Babariko è stato accusato di riciclare fondi ottenuti in modo criminale e di aver ricevuto una mega tangente. Secondo l’inchiesta, il capo di Belgazprombank Babariko aveva “creato un gruppo organizzato tra i suoi vice” per ricevere tangenti da uomini d’affari. L’importo totale delle tangenti ammonterebbe a circa 30,5 milioni di rubli bielorussi (più di 11,5 milioni di dollari). La difesa del banchiere considera il suo caso come politicamente motivato. L’anno scorso Babariko ha corso per la presidenza della Bielorussia e, secondo sondaggi non ufficiali, era considerato il principale rivale dell’attuale presidente, Alexander Lukashenko. Poco dopo l’annuncio della loro partecipazione alla campagna presidenziale, Babariko e suo figlio sono stati arrestati e poi messi in un centro di detenzione preventiva del KGB. La Commissione Elettorale non gli ha permesso di partecipare alle elezioni, citando una lettera del Comitato di Controllo dello Stato sulle presunte attività illegali di Babariko e sul suo reddito ottenuto illegalmente. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati