Esteri

Bahamas, dopo l’uragano l’odore di morte è insopportabile

Ancora 1300 i dispersi a due settimane dal passaggio dell'uragano Dorian

A due settimane dal violento passaggio dell’Uragano Dorian, alle Bahams l’odore è insopportabile. Il forte odore di morte si sente quasi subito. Difficile tornare alla normalità: la devastazione è troppo grande, i dispersi sono ancora tantissimi e i soccorritori stanno facendo fatica. Al momento il bilancio dei morti alle Bahamas è di 52, ma sono ancora oltre 1300 le persone disperse. 

Bahamas sott’acqua dopo l’Uragano Dorian: l’immagine del satellite è impressionante

L’Isola di Grand Bahama, una volta un paradiso, è stata polverizzata dall’uragano. Molte persone – scrive la Cnn – non vuole fare ritorno in queste zone. Affrontare un tale disastro è troppo, ma ci sono medici, infermieri e soccorritori che stanno cercando di recuperare i corpi rimasti sulla terraferma.

Ora il rischio è un’emergenza sanitaria. L’odore di fognatura, la muffa e i corpi in decomposizione: il rischio di infezione è altissimo.

Sole e calma piatta nell’occhio di Dorian mentre tutto intorno c’è l’inferno – FOTO

 

Tags

Articoli correlati