EsteriVideo

Amazzonia, gli incendi stanno producendo una quantità spaventosa di monossido di carbonio: il VIDEO

Può avere effetti molto gravi sulla salute dell'uomo. Influisce anche su inquinamento atmosferico e cambiamento climatico

Il monossido di carbonio, gas velenoso prodotto dagli incendi che stanno devastando l’Amazzonia, in Brasile, è davvero tanto: lo evidenzia la NASA, che ha rilevato il movimento del monossido di carbonio nell’atmosfera grazie a uno strumento a infrarossi a bordo del satellite Aqua.

«Questa serie temporale – spiega la NASA – mappa il monossido di carbonio che si trovava a un’altitudine di 5.500 metri tra l’8 e il 22 agosto. Man mano che la serie avanza la quantità di monossido di carbonio cresce nella regione amazzonica nord-occidentale», osserva la NASA. E spiega: «Il verde indica concentrazioni di monossido di carbonio a circa 100 parti per miliardo di volume (ppbv), il giallo a circa 120 ppbv, e il rosso scuro a circa 160 ppbv». Ma «localmente i valori possono essere significativamente più alti», avverte.

Il monossido di carbonio è un «inquinante che può percorrere grandi distanze», afferma la NASA, e «può persistere nell’atmosfera per circa un mese. All’alta quota mappata in queste immagini il gas ha scarso effetto sull’aria che respiriamo». Tuttavia, sottolinea l’agenzia, «i forti venti possono portarlo verso il basso dove può influire in modo significativo sulla qualità dell’aria. Il monossido di carbonio svolge un ruolo sia nell’inquinamento atmosferico che nel cambiamento climatico».

Tags

Articoli correlati