Esteri

Afghanistan: indagine su drone Usa, ‘errore in buona fede’

WASHINGTON, 04 NOV – L’attacco con drone Usa che ha ucciso a Kabul 10 civili, di cui 7 bambini, non è stato causato da una negligenza criminale ma da una serie di errori, tra cui non aver notato un bambino nell’area circa due minuti prima dello strike: così conclude l’indagine dell’ispettore generale del Pentagono, che non raccomanda sanzioni disciplinati per quello che definisce un errore “spiacevole” ma “onesto”, frutto di errori di esecuzione e di interpretazione delle informazioni. Le stesse immagini sulla presenza del bambino sarebbe stato facile perderle in tempo reale, ammette. (ANSA).

(ANSA)

Articoli correlati