Economia

Si lavora a Opzione donna, conferma senza legarla ai figli

ROMA, 25 NOV – La proroga di Opzione donna contenuta in manovra potrebbe tornare alla versione originale, anziché legando l’età di uscita al numero dei figli, ipotesi emersa durante il cdm che ha varato la manovra. Al ministero del Lavoro, secondo quanto si apprende, si sta lavorando per confermare la precedente norma (possono accedere alla pensione anticipata le lavoratrici con 35 anni o più di contributi e almeno 58 anni d’età per le lavoratrici dipendenti e a 59 anni per le autonome), con la proroga di un anno: la proposta al momento è all’attenzione del Ministero dell’economia per le coperture. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati