Economia

Russia, le entrate da gas e petrolio ai minimi da 14 mesi

MILANO, 13 SET – I ricavi energetici della Russia toccano il minimo da 14 mesi scendendo ad agosto a 671,9 miliardi di rubli (11 miliardi di euro, -13% su luglio e -3,4% sul 2021), con le sanzioni dell’Occidente che fanno sentire i loro effetti ed impediscono a Mosca di beneficiare appieno del rialzo dei prezzi. La causa del calo, spiega Bloomberg citando i dati del Ministero delle Finanze russo, è da attribuire agli sconti che Mosca è costretta ad applicare al petrolio venduto sui mercati asiatici, dove dirotta il greggio che i suoi tradizionali clienti occidentali non vogliono più. A ciò si aggiunge il calo dei ricavi per la vendita del gas, determinata dal taglio delle forniture all’Europa. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati