Economia

Rischio default Russia schizza con decreto Putin su bond

MILANO, 07 MAR – Nuovo balzo del costo per assicurare i bond governativi russi contro il rischio di un default dopo il decreto approvato dal presidente Vladimir Putin che consente di ripagare in rubli i creditori di obbligazioni in valuta estera. Secondo Bloomberg, che cita i dati di Ice Data services, la principale camera di compensazione per i cds europei, le probabilità di un default implicite nel costo delle assicurazioni sul debito, i cds, hanno toccato il livello record dell’80%. I cds che assicurano 10 milioni di dollari di debito russo per cinque anni costano 5,8 milioni di dollari di commissione iniziale, a cui si aggiungono 100 mila dollari all’anno. La commissione ‘upfront’ chiesta dal mercato la scorsa settimana era di 4 milioni di dollari. Il decreto di Putin consente a Mosca di rimborsare in rubli i bond governativi russi denominati in valute estere nel caso in cui i titolari appartengano a Paesi che hanno sanzionato la Russia. Ma non tutti i regolamenti dei bond in valuta estera offrono questa possibilità: per queste obbligazioni, in caso di pagamento in rubli, si potrebbe verificare un ‘trigger event’, cioè un evento che determina il default e che permette ai titolari dei cds di farsi rimborsare dalla loro controparte. Tra i bond che non consentono il pagamento in rubli figurano alcuni bond in scadenza il prossimo 16 marzo su cui devono essere pagare cedole per 117 milioni di dollari. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati