Economia

Pmi manifatturiero marzo Italia scende a 55,8, peggio di stime

MILANO, 01 APR – La guerra accompagnata dalla spinta inflazionistica pesa sull’indice pmi manifatturiero di diversi Paesi. In Italia marzo il dato scende a 55,8 dai 58,3 di febbraio. Il dato è sotto le stime che indicavano 57. I nuovi ordini sono aumentati al tasso più lento da dicembre 2020, con le aziende campione che hanno accennato a come il conflitto in Ucraina abbia influenzato le loro vendite. in Germania il pmi manifatturiero scivola ai minimi di 18 mesi a 56,9, dai 58,4 di febbraio e sotto la stima preliminare flash di 57,6. Nell’Eurozona è diminuito a marzo a 56.5, da 58.2 di febbraio. E’ il livello minimo in 14 mesi. In Francia è sceso a 54,7 a marzo, dal massimo semestrale di febbraio di 57,2. Il dato è in linea con le stime che si attendevano un 54,8. (ANSA).
(ANSA)

Articoli correlati