Economia

Pil vola a +2,7% nel secondo trimestre, trainano i servizi

ROMA, 30 LUG – Nel secondo trimestre del 2021 il Pil italiano, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è aumentato del 2,7% rispetto al trimestre precedente e del 17,3% in termini tendenziali. Lo comunica l’Istat in base alle stime preliminari. L’incremento “eccezionalmente marcato” registrato su base annua, spiega l’Istituto di statistica, deriva dal confronto con il punto di minimo toccato nel secondo trimestre del 2020 in corrispondenza dell’apice della crisi sanitaria dovuta alla diffusione del Covid. L’aumento trimestrale è superiore alle attese degli analisti che prevedevano una crescita dell’1,3%. La variazione acquisita per il 2021, pari a +4,8% se nel terzo e quarto trimestre dell’anno il Pil dovesse essere pari a zero, è leggermente inferiore rispetto alle stime del governo, della Commissione Ue e di Bankitalia, concordi dell’indicare una crescita intorno al 5%. Tra aprile e maggio, l’Istat ha registrato un forte recupero del settore dei servizi, il più penalizzato dalla crisi, una crescita dell’industria e una sostanziale stazionarietà dell’agricoltura. (ANSA).

(ANSA)

Articoli correlati