Economia

Pil: Upb, in calo nella seconda metà 2022, +0,3% in 2023

ROMA, 19 OTT – L’economia italiana avrebbe registrato nel terzo trimestre una battuta d’arresto, con un calo del Pil dello 0,2%, e nel quarto “la situazione rischia di peggiorare ulteriormente a causa dell’inflazione e del protrarsi delle conseguenze del conflitto in Ucraina”. E’ la stima contenuta nell’ultima congiuntura Flash dell’Upb secondo cui però, “grazie all’andamento positivo della prima metà dell’anno”, il 2022 dovrebbe chiudersi con una crescita del 3,3%. L’anno prossimo, invece, nello scenario tendenziale il Pil dovrebbe rallentare decisamente, registrando un’espansione molto modesta (0,3%). L’incertezza “è tuttavia molto elevata”, perché l’andamento dei prossimi mesi dipende fortemente da fattori geo-politici, come la guerra in Ucraina, e dagli impatti sulle aspettative. (ANSA).

(ANSA)

Articoli correlati